SANDHI

«PACE»

IN SANSCRITO

स न ध इ

                                                                                                                                        Sito realizzato da Manuela Barletta

 

Aggiornamenti di Gabriele Zangari

 

 

 


Home   Kronos   Club UNESCO   Comitato Pace   Scuole   Escursioni  ESP  Links

Forum                                                                    CERCA NEL SITO


Negli anni settanta una studiosa reggina di lingue antiche analizzò la più antica forma di scrittura conosciuta, il Sanscrito. Si cercava una parola che esprimesse contemporaneamente il concetto di pace e quello di associazionismo, attivismo ambientalista. SANDHI, pace, unione  (rispetto a Santi, pace, tranquillità), sintetizza ottimamente tale concetto. Questo fu il nome di un’Associazione Pacifista, Culturale ed Ambientalista che coordinò il Comitato calabro della Lega per il Disarmo dell’Italia, fondata dallo scrittore Carlo Cassola (divenuta poi Lega per il Disarmo Unilaterale). Oggi SANDHI accoglie di buon grado i siti di tre Organizzazioni: la storica Associazione Ambientalista KRONOS, il Club UNESCO di Reggio, ed il Comitato per la Pace.

SANDHI presenta le attività ambientaliste, culturali e pacifiste condotte da:

KRONOS – Calabria/Accademia Kronos, Associazione Ambientalista, già Sezione regionale del Centro Studi ed Iniziative Ecologiche Kronos 1991.

Club UNESCO, membro della Federazione Italiana Club e Centri UNESCO, associata alla Federazione Mondiale Club UNESCO

Comitato per la Pace, o Comitato di Coordinamento per la Promozione di una Cultura di Pace.


News

(Ultimo aggiornamento Pagina 22/11/2009)


Leggi l'articolo tradotto in altre lingue cliccando qui

Arch. Alberto GioffrèHo fatto un sogno …

MESSAGGIO ALL’UMANITA’

 

Un sogno che ricordo nitidamente, tra i tanti che mi capita di fare (come succede a tutti), ed abbastanza lungo.

Mi trovavo a Roma, in Piazza San Pietro, e procedevo verso la Basilica.

Era sera: comunque era buio. Non c’erano persone nella piazza, e nemmeno nelle strade adiacenti. Non stavo bighellonando, ma tornavo verso una residenza (nella realtà mi è capitato più volte di alloggiare nei pressi di Piazza San Pietro, e quindi di percorrere quell’itinerario).

La mia attenzione fu attratta da una persona illuminata da un piccolo riflettore su di essa puntato. Avvicinandomi, osservai che questa persona era un uomo sulla trentina, magro, con giacca grigia pesante e un po’ sdrucita, capelli biondo scuro, occhi chiari, vaghe caratteristiche somatiche dell’Est europeo.

Davanti a se aveva una sorta di tavolino “da ambulante”, con un braccio metallico agganciato ad esso, alla fine del quale era sistemata una telecamera senza età, alquanto piccola. Su un altro braccio (dritto, questo, al contrario del primo) era collocato un faretto, che emanava una luce gialla verso il busto dell’uomo.

Io mi avvicinai perché il tragitto da fare era quello, ed arrivai a pochi centimetri dalla persona, che guardai, assieme all’apparecchiatura, con poca curiosità (data l’eccezionalità della situazione).

Fu a quel punto che il giovane si rivolse a me in un italiano che a me parve con accento dell’Est. Mi disse, con tono pacato e deciso: “Vuoi parlare all’Umanità?”

Io lo guardai, come di solito faccio nella realtà, con sguardo incredulo, senza dire niente: ma con l’evidente espressione di chi direbbe “ma che cavolo stai dicendo?”.

Lui, con un sorriso appena abbozzato, mi spiegò, senza parole superflue, in che modo avrei potuto farlo: “Fra cinque minuti da questa telecamera inizierà un collegamento video con tutte le televisioni del pianeta, pubbliche e private. La trasmissione si sovrapporrà a quelle in onda. Da studi collocati ovunque nel mondo, seimila interpreti simultanei tradurranno ciò che sarà detto, in altrettante lingue e dialetti, per consentire la comprensione del messaggio a tutti coloro che stanno ora davanti al televisore. Il collegamento durerà esattamente mezz’ora ”. 

La mia incredulità si fece ancora più evidente, ma lo sguardo della persona davanti a me era rassicurante e convincente. Nei sogni si fanno cose che nella realtà non si farebbero: probabilmente, se mi fosse successo veramente, avrei dato una moneta da un euro all’originale personaggio, facendogli un sorriso ed augurandogli “buone cose”.

Ma il sogno era come un film già scritto: io “dovevo” acconsentire a parlare, e quella rappresentava un’occasione da non tralasciare. Nel sogno,  considerai sincere le parole dell’uomo dalla vecchia giacca, e dissi, semplicemente “Ok”, avvicinandomi alla “postazione”, e pensando “Perché proprio io? Perché questa richiesta viene fatta a me e non ad altri? E perché non parla lui stesso all’Umanità, anziché chiamare me?” Ma questi interrogativi non potevano trovare risposta.

Lui si spostò di lato, invitandomi a gesti a sistemarmi al suo posto. La nottata era molto silenziosa, la temperatura era ottimale, nessuno circolava. Persino il giovane sembrava non esserci. Mi ritrovai davanti ad una telecamera, con un faretto rivolto contro di me, che stranamente non mi abbagliava.

Pensai a cosa avrei potuto dire alla gente di tutto il mondo (almeno a quelli che nella successiva mezz’ora si fossero trovati davanti alla TV), e guardai l’apparecchio video, che peraltro sembrava spento. Mi assalì la commozione, e le pulsazioni aumentarono. Sudai un po’, anche. Ma fu solo un attimo.

Poi la mano ossuta dell’uomo apparve alla mia sinistra, con le dita aperte. Indicò, subito dopo, (sempre con le dita), il numero 4, poi il tre, ancora il due (con 2 dita), e così via: uno, e poi, finalmente, alzò il pollice per significare “ok”, mentre con l’altra mano mi indicò la telecamera, sulla quale, ora, si accese una minuscola luce blu.

Ero proprio solo, ora, ed in una frazione di secondo pensai a tutta la mia vita, alle persone che avevo conosciuto e con le quali avevo condiviso iniziative ed azioni, ai volti allegri o sofferenti di mille e mille, e mille uomini e donne che avevano incrociato il mio sguardo. Fu solo un attimo, o forse anche meno, Poi parlai, con tono calmo e sicuro, leggermente commosso.

“Salve. Non preoccupatevi dell’intrusione: staremo assieme solo per mezz’ora. Poi potrete seguire nuovamente la vostra trasmissione preferita. Considerate questo, come un regalo. Anche se non so da parte di chi.

In questo istante ognuno di voi è occupato in qualcosa. Tu stai cibandoti per uscire subito dopo a lavorare o pensando al giusto riposo successivo; tu guardi distrattamente lo schermo mentre stai facendo altro; oppure stai cambiando canali, e, con sorpresa, trovi sempre il mio volto ed ascolti ciò che ti sto dicendo; o forse sei in strada, davanti ad una vetrina con un televisore, e ti attrae l’improvviso cambiamento di programma: e per questo ti fermi: per cercare di ascoltare le parole; o sei insonne davanti alla TV, quasi aspettando proprio questo strano collegamento; stai attendendo un programma che ti piace, e con fastidio osservi questa intromissione.

Ma in questi momenti non parlo solo a te. Mi rivolgo anche al manager superpagato che non ha il tempo di offrire un semplice sorriso alla propria moglie o una carezza al figlio, mentre accetta di buon grado le prestazioni delle diverse segretarie; al politico più o meno impegnato in un’organizzazione mondiale, continentale, nazionale, regionale, o locale: ai tanti politici per opportunismo ed ai pochi politici per ideale, al piccolo Presidente di Circoscrizione che impegna la sua vita a rivangare per giorni su cosa è stato fatto in pochi minuti del mese scorso ed al Premier che pensa a come far guadagnare in maniera esagerata, in qualsiasi modo, ad alcuni suoi amici che ‘tanto hanno insistito’. Mi rivolgo al vagabondo, che ha scelto i margini di una città come propria casa, animato da un senso di rabbia verso tutti o da oblio verso una società che reputa balorda; al contadino più o meno fortunato, che non riesce nemmeno a vedere la più vicina ma lontanissima casa di un suo simile, e che non conosce orari se non quelli scanditi dal sole; al fanatico armato fino ai denti, che desidera vivere solo se lotta senza motivo, e che uccide per il solo gusto di farlo; a chi lavora da sempre, senza chiedersi se ciò sia giusto, e senza pensare che una società progredita potrebbe alleviare l’impegno manuale, aumentando quello delle macchine, per favorire la creatività, l’arte, e l’espressione in genere; alla adoratrice degli oggetti firmati, che si deteriorano immediatamente e che servono solo a pubblicizzare gratuitamente la ‘firma’; al timido, che non riesce mai a trovare la donna giusta solo perché le centinaia di donne che lo vorrebbero sono troppo orgogliose per fare le prime ‘avanches’; a chi studia sempre per la propria formazione, creandosi talvolta un mondo nebbioso tutto personale; a chi non lavora, ma usa la propria intelligenza per depredare gli altri, persino i vicini, senza pensare che ciò che indebitamente toglie è stato costruito, dagli altri, col lavoro e l’impegno di anni; a chi lavora per far piacere agli altri, provando piacere da ciò; ed a chi, stupidamente, fa la stessa cosa, ma senza provare altrettanto piacere; a chi si alza alle 5 del mattino per osservare la montagna o la scogliera che si colora di rosa alle prime luci dell’alba; ed a chi dorme fino a sera, senza provare mai il piacevole brivido del sole sulla pelle nuda.

Parlo ad ognuno di voi, soddisfatti della vita o insoddisfatti: a chi pensa di aver fatto tutto e di essere pronto alla morte; a chi è giovane dentro e vorrebbe rimanere così anche fuori, indefinitamente; a chi vuole suicidarsi, e programma di farlo, senza pensare che esistono altre forme, come il ‘suicidio sociale’, che consiste nell’andarsene per sempre in un arcipelago del Pacifico ancora non sommerso dal mare, in cui spostarsi in zattera ogni giorno in un’isola diversa e godendo del clima e delle piacevolezze dei luoghi.

Parlo al peruviano che mastica coca per salire agevolmente, allo spagnolo che si è liberato anche dei vestiti, al garbato e spensierato coreano, all’africano che vive più con i ritmi della natura che con quelli dell’orologio, all’europeo sempre preoccupato, all’inglese gentile ma non troppo, al calmo australiano abituato a muoversi parecchio, all’indiano spiritualista, all’arabo lavoratore, al talebano esagerato che sa di esserlo ma se ne frega, al consumista, al parsimonioso, al frugale. 

Voi, giovani, vecchi, donne, uomini, transessuali, eterosessuali, omosessuali, bisessuali, asessuali, orientali, occidentali, ricchi, poveri, boreali o australi, monoteisti, politeisti, panteisti, agnostici, siete combattuti tra due estremi: raggiungere la felicità o soccombere. Mille sono i modi per fare una di queste cose: alcuni costruttivi, altri distruttivi. I modelli che vi si parano davanti non sono quasi mai utili per realizzare la prima scelta: le decisioni dell’Uomo spesso non coincidono con la logica, ma con la voglia di aumentare il potere di pochi.

Voi, potenti del mondo, vi siete mai chiesti cosa avete fatto per meritare questo ruolo, dato che solo l’1 % di voi opera con autentico spirito di servizio?

Voi, umili per incapacità oppure umili per serietà e stile di vita, vorrete sempre stare al seguito di chi sfrutta le vostre debolezze? Ritenete di essere veramente altruisti, ma non fate nulla per ben concretizzare questo altruismo, né per raggiungere il potere pacifico. Rifiutate il confronto nella società bieca ed invidiosa, e questo denota la vostra superiorità mentale e sociale: ma non è corretto! Perché voi avete le qualità e la capacità di governare in un’autentica democrazia, in quanto sapete già interpretare i desideri, le esigenze, le vocazioni della collettività!

Le risorse del pianeta vengono usate per decimare le altre popolazioni, anziché per aiutarle a crescere. Il benessere è quello che appare, cioè solo materiale; e non viene data importanza alla crescita intellettiva e culturale, quale mèta da raggiungere.

Gli scambi culturali tra ognuno di voi, che consentirebbero una rapida evoluzione mentale e sociale traducibile in immediato progresso mondiale, non vengono incentivati: anzi, spesso vengono ostacolati, o comunque minimizzati. E le comunicazioni, reali o virtuali, dirette o indirette, rimangono sempre costose, determinando il rallentamento del progresso: minori gli scambi = minore la maturità di ogni singolo individuo = più lento il progresso di ogni popolazione.

I Piani ‘a lunga scadenza’ sono pochi, troppo pochi nel pianeta, perché molte delle scelte riguardano solo i programmi dell’anno. Le invenzioni che avrebbero potuto determinare benessere gratuito a tutti, sono state abbandonate, cancellate, e dimenticate. La “legge del mercato” (o, per meglio dire, “del profitto di pochi”) ha provocato lo sfruttamento delle risorse, e l’inquinamento forse irreversibile della Terra.

Solo una riflessione, da parte mia, che è forse un invito per ciascuno di voi.

Credo che il rispetto sia la parola chiave che ci consentirà di essere felici.

Rispetto per noi stessi: dobbiamo saperci apprezzare, e sapere apprezzare coloro che dedicano la propria vita per servire il prossimo, per sensibilizzare, per costruire. Dobbiamo collaborare per creare condizioni di vita migliori, città più confortevoli, servizi più efficienti, un uso più razionale delle risorse energetiche, per utilizzare le energie naturali, per rallentare l’eccessivo ed inutile consumismo.

Rispetto per l’ambiente naturale, che deve sopportare, suo malgrado, la nostra nefasta e distruttiva azione quotidiana.

Rispetto per il patrimonio culturale, che spesse volte abbiamo consapevolmente distrutto, facendo perdere, a chi è venuto dopo di noi, il ricordo di quanto di buono l’Umanità è riuscita a creare.

Rispetto per le persone, amiche o sconosciute, vicine a noi e diverse anche solo per mentalità o azioni: godiamo della loro fortuna o del loro lavoro, senza invidia, ma con sereno apprezzamento.

Rispetto per gli animali, che possono difendersi solo col proprio corpo, anche se spesso preferiscono sfuggire la lotta perché, forse, loro rispettano l’Uomo.

Rispetto per l’Umanità in crescita: condividiamo ed apprezziamo ciò che fanno gli altri, e siamo solidali con loro, se hanno sfortuna.

 La crescita sta in ciascuno di noi, dentro noi stessi.

Noi siamo Universi completi. E noi possiamo vivere armonicamente con il Creato, se lo vogliamo. Dovremmo mantenere la gioventù di spirito anche da vecchi, e rimanere sempre in armonia con il nostro corpo.

Non vi sottovalutate. Sappiate considerare, con serenità ma con fermezza, il vostro stato, la vostra etnìa, la vostra origine. Conservate la vostra indole, ovunque voi siate. Il vostro senso di appartenenza deve essere rappresentato con orgoglio, e non con vergogna.

Se la vostra indole è aperta e cosmopolita, sappiatela mantenere sempre, e sappiatela manifestare nei rapporti con gli altri, con orgoglio, ma senza prevaricare gli altri.

Come riconoscete in voi l’emblema di un mondo, così dovreste riconoscere in ciascun altro le sue origini, e rispettarle, sempre, anche se vi capiterà di non condividere gli stessi pensieri.

Mi auguro che ognuno di voi svolga il lavoro che ha scelto, e che l’onestà sia una prerogativa di un numero sempre maggiore di persone: non per gloriarsi, ma per costruire insieme, per collaborare con tutti gli altri, anche con gli sconosciuti.

 Avevo terminato, ed erano trascorsi esattamente trenta minuti. Mi scostai di lato.

Quel giovane mi guardò come se sapesse che “ce l’avrei fatta” a sintetizzare un messaggio in mezz’ora.

Nello sguardo aveva anche una strana espressione: colsi in lui la consapevolezza di ciò che avrei detto, e mi meravigliai.

La lucina si era spenta. L’intensità del faretto rivolto ora verso di lui

Mi salutò con la mano, senza parlare, e tornando a guardare il piccolo leggio.


 

CALENDARIO ATTIVITA' 2009

(Reggio Cal., 23 aprile 2009)

GENNAIO:

LUNEDI’ 26       H 17,00            RIUNIONE CLUB UNESCO RE ITALO                     (c/o IL TIPICO)

GIOVEDI’ 29     H 18,00            RIUNIONE ACCADEMIA KRONOS                         (c/o IL TIPICO)

 FEBBRAIO:

LUNEDI’ 16       H 17,00            RIUNIONE CLUB UNESCO RE ITALO                     (c/o IL TIPICO)

GIOVEDI’ 26     H 18,00             RIUNIONE ACCADEMIA KRONOS                        (c/o IL TIPICO)

 MARZO:

GIOVEDI’ 5       H 16,00            PROIEZIONE VIDEO (Ambiente Giovane)              (c/o CIRC. S. CATERINA)

GIOVEDI’ 5       H 19,30            ASSAGGIO PRODOTTI TIPICI (AG)                         (c/o IL TIPICO)

DOMENICA 8    H 08,00            ESCURSIONE NATURALISTICA E CULTURALE       a Palizzi ed a Pietrapennata

GIOVEDI’ 12      H 16,00           PROIEZIONE VIDEO (Ambiente Giovane)              (c/o CIRC. S. CATERINA)

GIOVEDI’ 12      H 17,30           INCONTRO / STRANIERI (Giovani Insieme)           (c/o CIRC. S. CATERINA)

GIOVEDI’ 12      H 20,00           ASSAGGIO PRODOTTI TIPICI (AG)                         (c/o IL TIPICO)

GIOVEDI’ 19      H 16,00           INCONTRO REGGINI/STRANIERI (GI)                     (c/o CIRC. S. CATERINA)

 APRILE:

DOMENICA 5     H 08,00           ESCURSIONE NATURALISTICA E CULTURALE         a San Giorgio Morgeto

GIOVEDI’ 9        H 18,00           RIUNIONE DIRETTIVO ACCADEMIA KRONOS          (c/o IL TIPICO)

GIOVEDI’ 16      H 10,30           RIUNIONE CON ARPACAL                                      a Catanzaro Lido

MARTEDI’ 21     H 18,00           RIUNIONE DEL CLUB UNESCO RE ITALO                (c/o IL TIPICO)

VENERDI’ 24      H 15,00           INCONTRO DEI CLUB UNESCO DELLA CALABRIA   a Tropea

25 E 26              sempre           ASSEMBLEA REGIONALEDI ACCADEMIA KRONOS  a Tropea

MERCOLEDI’ 29  H 15,00          RIUNIONE DIRETTIVO NAZIONALE AK                     a Roma

GIOVEDI’ 30        H 10,00          ASSEMBLEA NAZIONALE ACCADEMIA KRONOS     a Roma

30 / 2 maggio    sempre           ASSEMBLEA NAZIONALE FICLU                              a Cagliari

 MAGGIO:

DOMENICA 10    H 08,00          ESCURSIONE NATURALISTICA E CULTURALE        al Lago Costantino / S. Luca

VENERDI’ 22     H 17,00            RIUNIONE CLUB UNESCO RE ITALO                      (c/o IL TIPICO)

GIOVEDI’ 21      H 16,30           INCONTRO CON STRANIERI                                   (c/o CIRC. S. CATERINA)

GIOVEDI’ 28      H 18,00           RIUNIONE ACCADEMIA KRONOS                           (c/o IL TIPICO)

DOMENICA 31    H 08,00          ESCURSIONE CULTURALE con il CLUB UNESCO    a Gallicianò

Alle escursioni successive al 10 maggio potranno partecipare solo i Soci delle due organizzazioni, con il ruolo di animatori e coordinatori

 GIUGNO:

DOMENICA 7      H 08,00           ESCURSIONE NATURALISTICA CULTURALE           a Scilla e Ganzirri

MERCOLEDI’ 10  H 17,00           RIUNIONE CLUB UNESCO RE ITALO                      (c/o IL TIPICO)

DOMENICA 14    H 08,00           ESCURSIONE CULTURALE                                     a Gerace

GIOVEDI’ 25       H 18,00           RIUNIONE ACCADEMIA KRONOS                           (c/o IL TIPICO)

VENERDI’ 26      H 17,00           CONVEGNO CON PROIEZIONI                                (c/o Provincia)

 


Conversazioni di Italia Nostra nell'anno del Paesaggio

(Reggio Cal., 11 febbraio 2009)

Invito


Il CSEAAM (Centro Studi di Educazione Ambientale nell'Area Mediterranea)

L'Associazione Ambientalista Accademia KRONOS Calabria

Il Club UNESCO Re Italo di Reggio

(Reggio C., 20 gennaio 2009)

promuovono ed organizzano, di concerto con Associazioni Culturali ed Ambientali di tutte le Nazioni del Mediterraneo e nell'ambito di programmi europei per la Gioventù, VIAGGI E SEMINARI TEMATICI DI CARATTERE CULTURALE in tutti gli Stati Mediterranei ed Europei.

La permanenza ha la durata media di 6 giorni. Organizzativamente il singolo partecipante versa,all'atto della prenotazione di ogni singolo viaggio, € 100,00 (caparra di garanzia) al CSEAAM.Provvede quindi all'acquisto del biglietto aereo a/r, trasmettendone copia al CSEAAM e ricevendo la completa restituzione della caparra. Il soggiorno(vitto,alloggio, spostamenti interni) è a totale carico dell'Associazione del Paese ospitante, che provvede anche a restituire il 70 % delle spese sostenute per l'acquisto del biglietto aereo (purchè esse non superino € 500,00 / 550,00).

In totale, pertanto, l'intera iniziativa costerà ad ogni singolo partecipante € 150 / 165.

Requisiti per adesioni e partecipazioni:

- essere cittadino italiano o comunque possedere passaporto (o altro documento, se sufficiente) italiano;

- conoscere la lingua inglese (medie capacità di espressione in inglese);

- avere dal 15 (quindici) ai 30 (trenta) anni d'età;

- possedere capacità di preparazione del viaggio nell'arco di 15 giorni.

Coloro che intendono aderire ai programmi, e che possiedono le caratteristiche citate, potranno fornire le proprie generalità (indicando la data di nascita), apponendo la dicitura "SI" accanto alle richieste (sottolineate) dei requisiti, rispondendo direttamente a questa mail

Ad esse/i verranno inviati i programmi di massima,con l'indicazione delle date probabili di svolgimento dei seminari, onde consentire la scelta.

All'approssimarsi (ed alla conferma di svolgimento) del/i seminario/i indicato/i la/il partecipante verserà la caparra e provvederà immediatamente all'acquisto del biglietto (ottenendo il rimborso della stessa caparra).

Prima della partenza verranno fornite tutte le utili indicazioni sul tema e sul programma dettagliato.


KRONOS PER LA NATURA

(Reggio C., 26 gennaio 2008)

            Si è tenuta presso Il Tipico, in Via Santa Caterina 124, la prima riunione KRONOS del 2008. Ai numerosi Soci presenti il Presidente Regionale Alberto Gioffrè ha ricordato le più importanti tappe associative del 2007: la Mostra Gli Artisti incontrano la Natura; il Programma di Educazione Ambientale svolto in sei Scuole della Calabria, con il coinvolgimento di circa 20 esperti, docenti e collaboratori; il Progetto Nazionale Parchi Vivi per la promozione e la valorizzazione del Parco Nazionale dell’Aspromonte, rivolto ai lavoratori stranieri ed ai soci di cooperative sociali; l’iniziativa Aspromonte Vivo, che ha visto coinvolti 300 studenti di tre Scuole della Provincia (di cui 120 hanno avuto l’occasione di visitare alcuni dei siti più interessanti del Parco); le celebrazioni del 35.mo Anniversario della costituzione di Kronos a Reggio, 10.mo di Accademia Kronos e 40.mo di Kronos 1991 (svoltesi presso un villaggio turistico a Tropea, ai primi di ottobre); l’attività estiva di avvistamento incendi nella Provincia reggina; la promozione di Un Bosco per Kyoto (conclusasi l’11 gennaio scorso in Campidoglio, a Roma, con la premiazione del Direttore Giuseppe Cannizzaro del PNA, del Dott. Domenico Lemma dell’ARPACAL, del Dott. Domenico Laria, Sindaco di Ricadi); l’assistenza di protezione civile ai Concerti Reggini (coordinata dalla Dott.ssa Mirella Manganaro) ed alla Notte Bianca; l’ampliamento del sito Web Sandhi; la proposta ufficiale della Sede Centrale di Accademia Kronos di inserimento dell’Arch. Alberto Gioffrè nel Consiglio Direttivo del Parco Nazionale dell’Aspromonte (membro della Giunta nella passata legislatura); le pubblicazioni sulla Rivista Trimestrale Calabria Sconosciuta, l’adesione all’Aggregazione di Associazioni del Comitato per la Pace.

            Una Commissione interna ha poi scelto gli autori delle migliori opere artistiche realizzate nel corso delle escursioni svolte. I 3 vincitori (che hanno diritto di concorrere al premio nazionale consistente in un soggiorno a Porto Santo Stefano e nell’Isola di Montecristo) sono risultati: Angela D’Agostino (migliore poesia), Jouini Abla (migliore foto), Mars Mokhtar (migliore disegno).

            Sono state quindi programmate alcune delle iniziative 2008: un’Assemblea Regionale a Tropea il 26 e 27 aprile; la proposta di recupero dei rami secchi ferroviari, la proposta di programmazione e divulgazione dell’evacuazione antisismica della città, un seminario sulle tematiche ambientali nelle Scuole Superiori di Oppido Mamertina (che si svolgerà sabato 9 febbraio), la promozione di dissociatori molecolari per l’eliminazione dei rifiuti solidi urbani, un’indagine sui numerosi casi di cancro e leucemie nell’area gravitante su Monte Nardello.  

            Dopo l’approvazione del bilancio l’Assemblea ha eletto all’unanimità il Consiglio Direttivo Sezionale, che si è arricchito di due nuovi membri (Giovanni Crocè ed Angela Agostino), e che risulta così formato: Dr. Antonio Pizzo, Presidente; Angela Agostino, Vicepresidente; geom. Demetrio Calafiore, Segretario; Giovanni Crocè, Consigliere; dott. Angelo Vazzana, Responsabile Scientifico; Manuela Barletta, Responsabile del sito web; Roberto Primerano Rianò, Responsabile Squadra Aerea; dott. Alessandro Gioffrè, Responsabile Squadra Montana.

            Nel Consiglio Direttivo Regionale (di cui sono Vicepresidenti: l’avv. Antonio Nanìa di Catanzaro, il rag. Enzo Molinari di Cosenza, Nando Calendini di Crotone; e Segretario il geom. Enzo Zema) è entrata a far parte di diritto la Prof. Lucia Abiuso (Responsabile della Sezione di Catanzaro). L’Assemblea riconferma al Socio Moreno Caricato l’incarico di costituire la Sezione Kronos – Accademia Kronos a Villa San Giovanni.

            L’incontro (al quale parteciperanno i Soci ed i simpatizzanti) è stato aggiornato a giovedì 7 febbraio, alle ore 18, presso Il Tipico in Via Santa Caterina 124, per l’organizzazione del calendario delle escursioni 2008.

KRONOS – CALABRIA / ACCADEMIA KRONOS

Un momento della riunione del 24 gennaio 2008


DIRITTI UMANI CALPESTATI 7OO ANNI FA

IL 13 OTTOBRE 1307 UN PIANO BEN ORCHESTRATO DISTRUGGEVA IL BENEMERITO ORDINE DEI TEMPLARI

(Reggio C., 12 ottobre 2007)

         I Diritti Umani non possono essere calpestati: dall’anno della loro costituzione, il 1948, tutti i Club UNESCO del mondo si battono per la loro difesa, per la promozione di una cultura di pace, per i migliori scambi culturali e sociali tra le diverse Etnìe.

         700 anni or sono, esattamente il 13 ottobre 1307, veniva perpetrato un vergognoso piano, messo in atto da personaggi potenti quali il Re di Francia Filippo il Bello ed il Papa Clemente V (consenziente). Obiettivo di tale attentato erano i molti nobili Cavalieri Templari che erano riusciti in 200 anni a dare un impulso innovativo a tutta l’Europa ed ai Paesi del Mediterraneo, promuovendo di fatto l’unificazione politica, creando la prima banca moderna, e soprattutto regalando a tutte le popolazioni opere pubbliche di diversa utilità.

         Il Tesoriere parigino dell’Ordine, Jean de Tours, aveva ceduto una consistente somma di denaro al Sovrano francese, senza l’autorizzazione del Gapitolo e del Gran Maestro: per questo motivo fu rimosso dall’incarico, ed il Re di Francia fu invitato a restituire la somma arbitrariamente ottenuta. La reazione di uno degli uomini più potenti del mondo occidentale fu miserevole: aggredire i benefattori per poter rubar loro anche tutti gli altri beni in loro possesso. Ordì così un piano perfettamente orchestrato, che potè mettere in atto grazie alla mancanza di mezzi do cuminicazione immediata.

         Nella mattina del 13 ottobre 1307 fece infatti arrestare, contemporaneamente, Geoffroy de  Charnay (Vice Gran Maestro), Jacques de Molay (Gran Maestro), ed altri 544 Cavalieri, imbastendo tutte le più fantasiose accuse che la sua mente potè produrre. I Templari avevano percepito dal giugno precedente l’astio di Filippo, ma non si opposero all’azione di forza, non comprendendo, nelle poche ore necessarie agli arresti a tappeto, la vastità dell’operazione. Inoltre confidavano nell’ammirazione e nell’affetto incondizionato dell’intera popolazione europea, che poteva essere solo riconoscente ad un Ordine che era riuscito a costruire moltissime strutture utili a tutti ed aveva aiutato finanziariamente chiunque ne aveva avito esigenza.

         Con le torture furono estirpate confessioni strampalate, e, come tutti sappiamo, Geoffroy de Carnay e Jacques de Molay, assieme a quasi tutti gli altri Templari francesi, furono messi al rogo.

         In 700 anni poco è stato fatto per riscattare il ruolo filantropico dei Cavalieri, e il ripensamento papale è quasi passato inosservato.

         Un motivo in più, per tutti noi, per riflettere su come possano essere così spavaldamente ed arrogantemente calpestati i diritti civili, anche nei confronti di chi notoriamente ha offerto tutta la propria vita per il bene del prossimo. Un motivo in più per responsabilizzarci, per spingerci ad osservare l’intimo delle azioni di tutti e per saper scorgere, senza ombra di dubbio, il reale e costruttivo apporto culturale e sociale, appariscente o umilmente nascosto, di ciascuno di noi.

Club UNESCO di Reggio Calabria


5 GIORNI PER L’AMBIENTE, LA CULTURA E LA PACE

(Reggio C., 8  ottobre 2007)

         80 amanti di Tropea, tra le oltre 200 persone presenti (provenienti dall’Inghilterra, dalla Danimarca, dalla Sicilia e dalla Campania), hanno assistito, nell’anfiteatro del Villaggio Sabbie Bianche, alla proiezione del video-documentario Il Mio Aspromonte, realizzato dal Club UNESCO di Reggio per la valorizzazione del Parco Nazionale. Altri filmati, sul clima e sul patrimonio naturalistico calabrese, hanno arricchito la fase “divulgativa” dell’Incontro di Tropea organizzato dal Kronos – Calabria e dal Club UNESCO di Reggio per celebrare i 35 anni di Kronos ed i 22 del Club.

Nel corso dei tre Eventi che si sono succeduti durante il lungo Incontro l’Arch. Alberto Gioffrè, dopo aver letto la comunicazione di apprezzamento e di adesione trasmessa dalla Dott.ssa Marialuisa Stringa, Presidente della Federazione Italiana Club e Centri UNESCO, ha tracciato  la storia del movimento ambientalista negli ultimi 40 anni (cioè dalla nascita del Kronos 1991) la costituzione di Accademia Kronos (avvenuta 10 anni or sono), l’attivismo culturale dei Club UNESCO nel mondo, e la nascita dell’impegno pacifista; illustrando, a conclusione, il programma dell’escursione naturalistica di sabato 13 ottobre presso le Cascate di Molochio e le Fortificazioni Romane dello Zomaro. Il Dott. Ennio La Malfa ha illustrato alcune delle più interessanti iniziative nazionali condotte da Accademia Kronos, come: la proposta di eliminazione dei rifiuti attraverso la dissociazione molecolare; le attività di rimboschimento collegate alla riduzione di anidride carbonica (carbon credit); il coinvolgimento in attività sportive, in Congo, degli adolescenti, per distoglierli da attività di guerra; la divulgazione ambientale svolta attraverso il Programma INFEA.

L’Avv. Ottavio Capparella ha evidenziato l’impegno della nuova Rete Legale di Accademia Kronos (che raggruppa oggi Avvocati del Lazio e della Campania), che consentirà di condurre azioni legali a favore dell’ambiente (costituendosi AK parte civile), contro ogni attentato alla Natura. Positiva ed immediata è stata la risposta di tutti gli avvocati presenti (per Reggio si è formato un primo team, coordinato dall’Avv. Monica Delle Donne, per la Liguria e l’Emilia ha aderito un gruppo legale rappresentato dall’Avv. Gabriella Pareti).

Manuela Barletta ha illustrato il sito realizzato a servizio delle due Associazioni (www.sandhi.eu), ed il Geom. Demetrio Calafiore ha relazionato sulle metodologie utilizzate per la formulazione delle previsioni meteorologiche. Particolare interesse ha suscitato l’intervento del divulgatore culturale Oreste Pace, di Palmi, Socio del Club UNESCO reggino, il quale ha tracciato la storia di un Santo venerato in Calabria (San Rocco), descrivendo tutti i monumenti locali dedicati a San Fantino, e promuovendo una visita nel territorio palmese (a Taureana, a Trachina, a Carlopoli) alla riscoperta del patrimonio archeologico e storico della zona.       

Non sono mancate attività ricreative collaterali, come la presentazione della Squadra Kronos di Calcetto, promossa e coordinata dal Dott. Piero Palmenta, con la fattiva collaborazione dei Soci Pino Presti e Michele Capozza.

L’Incontro, che ha rappresentato anche l’occasione per visitare il caratteristico borgo di Tropea e per ammirare il suo ricco patrimonio folcloristico, si è concluso con l’adesione alla Marcia per la Pace, in linea con lo spirito pacifista di entrambe le Organizzazioni.

 

Gruppo redazionale di “Commento Ecologico”,    KRONOS - CALABRIA,  CLUB UNESCO


L’adesione per il 2009 alle Organizzazioni Kronos, Club UNESCO, e Comitato per la Pace può essere comunicata utilizzando direttamente le schede che sono inserite nelle rispettive caselle, nella sottocasella “Aderisci”.

Si evidenzia che:

-          nella scheda Kronos/2009 sono elencati i diritti dei Soci;

-          con l’iscrizione al Club UNESCO è possibile prenotare il volume “La Pietra, centro del Mondo”, che contiene foto e storia di Pietra Cappa;

-          che al Comitato per la Pace possono aderire sia le Istituzioni (Associazioni, Comunità, Chiese, Scuole) che i singoli.


Home   Kronos   Club UNESCO   Comitato Pace   Scuole   Escursioni  ESP  Links