SANDHI

 

News

 

 

 

Chi siamo

                                                 *       

Comitato per la Pace       

Comitato di Coordinamento per la pace

STATUTO

Art. 1

Denominazione e sede

E’ istituito il “Comitato di Coordinamento per una Cultura di pace”, in seguito denominato Comitato per la Pace o Comitato.

Il Comitato è senza fini di lucro, è apartitico, e  persegue  finalità di solidarietà sociale.

Il Comitato ha sede a Reggio Calabria in Via Botteghelle 51, e può utilizzare per le attività e gli incontri sociali qualsiasi altro locale di volta in volta messo a disposizione delle Associazioni costituenti il Comitato, o da Enti locali.

La durata del Comitato è illimitata.

Art. 2

Finalità e scopi

Il Comitato si propone di:

A)       promuovere una cultura di pace, partendo dall’ambito cittadino;

B)        diffondere gli ideali di pace e di rispetto per il prossimo presso le Scuole, le Comunità, gli ambienti di lavoro e le famiglie, educando ad interazioni e relazioni pacifiste e rispettose della dignità altrui;

C)        organizzare e coordinare progetti od iniziative di Educazione alla Pace per la risoluzione non violenta dei conflitti e delle tensioni che possono sorgere all’interno della comunità cittadina e/o altrove;

D)      incentivare gli scambi culturali fra le Associazioni costituenti;

E)        svolgere e divulgare programmi per il dialogo ed il confronto fra le culture, le etnie, le generazioni e le componenti sociali;

F)        promuovere scambi e collaborazioni con le altre Istituzioni cittadine e con le Associazioni non governative nazionali ed internazionali che svolgono progetti con le realtà sociali, in linea con gli ideali del Comitato.

Art. 3

Composizione

Fanno parte del Comitato tutti gli Enti, le Associazioni, i Gruppi e le Organizzazioni che esprimono adesione alle finalità indicate nell’Art. 2 del presente Statuto, con le modalità di cui al successivo Art. 5. Tali organismi sono definiti in seguito Associazioni.

L’adesione deve essere comunicata per iscritto al Consiglio Esecutivo, che la accetta.

Art. 4

Organi del Comitato

L’Assemblea Generale, il Consiglio Esecutivo ed i Gruppi di Lavoro sono Organismi del Comitato.

Art. 5

L’Assemblea Generale

COSTITUZIONE  E  COMPOSIZIONE

E’ costituita da due Delegati indicati da ogni Associazione con Delibera interna che deve pervenire al Consiglio Esecutivo preferibilmente entro  il 1° marzo od entro il 1° settembre di ogni anno, unitamente alla quota annuale  stabilita nel successivo Art. 9.

Ogni Associazione indica inoltre due Delegati supplenti, per garantire la rappresentanza della stessa.

Per eventuali difficoltà logistiche od organizzative ogni Associazione potrà nominare un solo Delegato effettivo ed un solo Delegato supplente.

Ogni Associazione costituente, comunque rappresentata, può esprimere un solo voto.

Le Associazioni che non hanno sede a Reggio Calabria, che non riescono a garantire la partecipazione attiva continua ai lavori del Comitato, o che sono organismi consultivi formati quindi da più Associazioni, possono comunicare la propria adesione senza indicare i Delegati e senza versare la quota annuale. Queste, nella qualità di aderenti, partecipano a tutte le iniziative cittadine del Comitato.

L’Assemblea Generale si riunisce in sessione ordinaria a marzo ed a  settembre di ogni anno, secondo un calendario comunicato dal Consiglio Esecutivo annualmente. In sessione straordinaria può essere convocata ogni qual volta ve ne sia la necessità, previa comunicazione/richiesta trasmessa quindici giorni prima almeno da un quinto delle Associazioni costituenti o dal Consiglio Esecutivo; oppure, per problematiche che rivestono evidente urgenza, dal Consiglio Esecutivo,  telefonicamente  e a mezzo stampa, tre giorni prima.

Ad ogni Assemblea Generale possono partecipare tutti gli iscritti di ogni Associazione costituente od aderente.

VALIDITA’

L’Assemblea Generale è valida quando la metà più uno delle Associazioni è presente. Per l’eventuale  seconda convocazione occorre la presenza di almeno  1/3 delle Associazioni.

FUNZIONI

In ogni Assemblea Generale vengono eletti dalla maggioranza semplice per alzata di mano, dopo la sua legittima costituzione: il Presidente, il Vice Presidente, ed il Segretario.

PROCEDURE  E  POTERI

        L’Assemblea Generale approva: il programma delle attività, la relazione del Consiglio Esecutivo sulle attività del  Comitato, le relazioni finanziarie del Tesoriere, le richieste di adesione o di cancellazione da parte di Associazioni; ascolta la relazione dei Revisori; esamina proposte dei Delegati e suggerimenti del Consiglio Esecutivo atti a migliorare il lavoro del Comitato; discute e vota il budget proposto dal Consiglio Esecutivo.

Elegge annualmente i membri del Consiglio Esecutivo ed i tre Revisori.

Indica le tematiche per la costituzione dei Gruppi di Lavoro, e provvede alla loro costituzione.

L’approvazione dello Statuto, le sue eventuali modifiche, come anche lo scioglimento del Comitato, devono essere deliberati dall’Assemblea riunita in sessione straordinaria a maggioranza qualificata dei 2/3 delle Associazioni componenti.

Art. 6

Consiglio Esecutivo

Ha funzioni di segreteria operativa e di rappresentanza del Comitato verso l’esterno attraverso il suo Coordinatore Generale.

I suoi membri, eletti tra i Delegati delle Associazioni costituenti, perdono tale funzione, per la quale sono sostituiti dai Delegati supplenti. Durano in carica un anno e rappresentano esclusivamente il Comitato nel corso delle attività regolate dal presente Statuto.

COMPOSIZIONE

E’ composto da un numero dispari di membri, indicati dal Regolamento, i quali coordinano i Gruppi di Lavoro. Tre di loro esercitano soltanto le funzioni di Coordinatore Generale, Segretario, Tesoriere.

E’ convocato e presieduto dal Coordinatore Generale, o su richiesta della metà più uno dei suoi membri. In caso di assenza del Coordinatore Generale è presieduto da uno dei suoi membri eletto a maggioranza dagli altri. E’ valido solo se la metà più uno dei suoi membri è presente. Approva le decisioni a maggioranza semplice.

POTERI

Il Consiglio Esecutivo è l’organo governativo e amministrativo del Comitato. Conduce le attività necessarie per il raggiungimento delle finalità del Comitato e per l’attuazione dei mandati assembleari. Approva la relazione finanziaria del Tesoriere prima di sottoporla all’Assemblea Generale. Riceve ed esamina le richieste di cancellazione o di adesione delle Associazioni prima di sottoporle all’Assemblea Generale. Prepara eventuali modifiche  del presente Statuto da sottoporre all’Assemblea Generale.

Nomina eventuali ulteriori Coordinatori per specifici temi e ne decide i poteri.         

Convoca l’Assemblea Generale.

COORDINATORE GENERALE

Rappresenta il Comitato all’esterno e può delegare un membro del Consiglio Esecutivo; convoca e presiede il Consiglio Esecutivo.

SEGRETARIO

Stila i verbali degli incontri del Consiglio Esecutivo.

TESORIERE

Tiene la cassa del Comitato. Informa il Consiglio Esecutivo sulla situazione finanziaria del Comitato. Stila la relazione finanziaria da sottoporre all’approvazione del Consiglio Esecutivo e dell’Assemblea Generale.

Art. 7

Gruppi di Lavoro

Sono costituiti da tutte le Associazioni componenti il Comitato, suddivise in base alla tipologia di impegno associativo. Impostano programmi ed attività del Comitato, settore per settore, provvedendo alla conduzione principale di ogni iniziativa con la collaborazione ed il supporto del Comitato.

Sono organizzati ciascuno da uno dei Coordinatori membri del Consiglio Esecutivo.

Possono essere ampliati in qualsiasi momento, con decisione del Consiglio Esecutivo.

Possono riunirsi autonomamente nella sede più idonea, su convocazione del Coordinatore di Gruppo.

Art. 8

I Revisori

         Vengono eletti dall’Assemblea Generale. Rimangono in carica un anno. Possono essere esterni all’Assemblea Generale ed alle Associazioni costituenti.

        Hanno il compito di controllare annualmente la gestione economica del Comitato e di approvare i Bilanci consuntivo e preventivo.

Art. 9

Patrimonio

         Le finanze del Comitato provengono dalle quote associative annuali delle Associazioni membri e dai finanziamenti per i progetti.

        La quota per Associazione ammonta a lire cinquantamila annue, e versata al Tesoriere alla prima Assemblea Generale utile. Tale quota può essere variata in Regolamento Interno, su approvazione dell’Assemblea Generale.

         Nessuna restituzione di somme di denaro o di bene donati al Comitato può essere reclamata.

        In caso di scioglimento del Comitato, il fondo economico viene devoluto ad Associazione con uguali finalità, individuata dall’Assemblea Generale.

Art. 10

Regolamento Interno

         Le norme non presenti nello Statuto sono illustrate in un apposito Regolamento Interno, che può essere redatto od aggiornato nel corso delle attività del Comitato, ed approvato dall’Assemblea Generale con la maggioranza dei 2/3.

         Le proposte di modifiche al Regolamento possono essere effettuate dal Consiglio Esecutivo o da almeno cinque Associazioni.

Art.11

Norme transitorie

Nella fase organizzativa si intenda “Segreteria Provvisoria” al posto di “Consiglio Esecutivo”.

Art. 12

Validità

        Il presente Statuto deve essere votato da ogni Associazione costituente il Comitato al momento della sua approvazione. La sua validità inizia al momento dell’approvazione.

Scritto, letto, approvato in Reggio Calabria, addì quindici marzo duemilauno.

(seguono le firme)

Noe Annaguey 

FILIPPIN CHRISTIAN CHURCHE

  

Luigi Arcudi 

UFFICIO PASTORALE GIOVANILE

  

Maria Francesca Rotiroti 

COOPERATIVA SOCIALE IL DONO

  

Pietro Polimeni 

AGESCI SETTORE PNS CALABRIA

  

Giuseppe Spinelli

CSEAAM

  

Giuseppe Crucitti

CRIC

  

Maria Filocamo

MOCI

  

Lorenzo Logoteta

AMNESTY INTERNATIONAL
  

Demetrio Mario Amadeo

ISTITUTO PER LA FAMIGLIA
  

Giuseppe Praticò

ISTITUTO PER LA FAMIGLIA
  

Domenica Iannò

CEM MONDIALITA’

  

Maria Votano  

CEM MONDIALITA’

  
Ines PoloINTERNATIONAL HOUSE
  
Caterina VenturiniCHIESA EVANGELICA VALDESE
  
Paolo ZoccaliGUIDE E SCOUT D'EUROPA
  
Antonio LimboFILIPPIN CHRISTIAN CHURCHE
  

Celestial F. Madula

UNIFIED FILIPINO WORKERS
  
Flores JosèFILIPPINO ASOCIATION RC
  
Iva RussoCHIESA VALDESE RC
  

Rocco Alberto Gioffrè

CLUB UNESCO
  
Riccardo RisoCOMUNITA’ BAHA’I’ RC
  
Saeid SardarzadCOMUNITA’ BAHA’I’ RC
  
Gigliola PedullàMOCI
  
Maria RomeoA.GE.
  
Damiana FestaACLI
  
Giuseppe CanaleTRIBUNALE DEL MALATO
  
Pasquale NeriCIRCOLO CALCIDESE DI P. I.

 

                                                *    

Comitato per la Pace       

Comitato di Coordinamento per la pace

Atto costitutivo

Giovedì quindici marzo duemila uno, in Reggio Calabria, presso la Chiesa Valdese di Via Possidonea, si sono riuniti i Signori:

DOTT. AGRONOMO GIUSEPPE SPINELLI

IMP. LUIGI ARCUDI

IMP.PISICOLOGA MARIA FRANCESCA ROTIROTI

DEMETRIO MARIO AMADEO

PROM.FIN. GIUSEPPE PRATICO’

IMP. LORENZO LOGOTETA

PENS. IVA RUSSO

OP. DIS. CATERINA VENTURINI

PENS. PROF. MARIA FRANCESCA MELE

NOE ANNAGUEY

IMP. PIETRO POLIMENI

ANTONIO LIMBO

RAG. CELESTIAL F. MADULA

IMP. PAOLO ZOCCALI

ARCH. SAEID SARDARZADEH

ARCH. ROCCO ALBERTO GIOFFRE’

RAG. RICCARDO RISO

INF. PR. INES POLO

AVV. PASQUALE NERI

PROF. GIGLIOLA PEDULLA’

PENS. GIUSEPPE CRUCITTI

PROF. MARIA ROMEO

PROF. DAMIANA FESTA *

DOTT. GIUSEPPE VITTORIO CANALE *

* SUCCESSIVAMENTE

I convenuti, in virtù del presente Atto, costituiscono fra loro un’Associazione regolata a tutti gli effetti dalle norme del codice civile, nonché dal presente Atto Costitutivo e dallo Statuto, composto da n° 12 (numero dodici) articoli, che, debitamente firmato, si allega al presente Atto per formarne parte integrante e sostanziale.

L’Associazione è denominata COMITATO DI COORDINAMENTO PER UNA CULTURA DI PACE, o COMITATO PER LA PACE, ha sede in Reggio Calabria in Via Botteghelle n° 51, e può utilizzare per gli incontri sociali tutte le sedi messe a disposizione dalle Associazioni costituenti.

Il COMITATO, che non ha fini di lucro ed è apartitico, opera nell’ambito del Volontariato con l’apporto di tutti gli associati alle Organizzazioni costituenti.

Il COMITATO si propone di:

A)    promuovere una cultura di pace, partendo dall’ambito cittadino;

B)    diffondere gli ideali di pace e di rispetto per il prossimo presso le Scuole, le Comunità, gli ambienti di lavoro e le famiglie, educando ad interazioni e relazioni pacifiste e rispettose della dignità altrui;

C)    organizzare e coordinare progetti od iniziative di Educazione alla Pace per la risoluzione non violenta dei conflitti e delle tensioni che possono sorgere all’interno della comunità cittadina e/o altrove;

D)    incentivare gli scambi culturali fra le Associazioni costituenti;

E)    svolgere e divulgare programmi per il dialogo ed il confronto fra le culture, le etnie, le generazioni e le componenti sociali;

F)    promuovere scambi e collaborazioni con le altre Istituzioni cittadine e con le Associazioni non governative nazionali ed internazionali che svolgono progetti con le realtà sociali, in linea con gli ideali del Comitato.

Il patrimonio del COMITATO è costituito dalle quote associative annuali delle Associazioni membri (che ammontano a lire cinquantamila annue per Associazione) e dai finanziamenti per i progetti.

Tutte le norme relative all’ordinamento del COMITATO, ai diritti ed agli obblighi dei membri, alle condizioni per la loro ammissione, ed agli Organi sociali, sono contenute nel citato ed allegato Statuto, al quale si fa espresso rinvio.

I presenti, costituiti in funzione di Assemblea Generale,  eleggono i seguenti organi (che accettano), i quali rimangono in carica fino al 31 marzo 2002  e sono rieleggibili:

Consiglio Esecutivo

Coordinatore/trice Generale            Alberto Gioffrè

Segretario/a                                     Riccardo Riso      + globalizzazione

Tesoriere/a                                      Luigi Arcudi

Coordinatore/trice                           Saeid Sardarzadeh

GRUPPO DI LAVORO                                                      coinvolgimento bambini

Coordinatore/trice                          Silvia Rapisarda

GRUPPO DI LAVORO                                                     formazione, globalizzazione

Coordinatore/trice                          Francesca Rotiroti

GRUPPO DI LAVORO                                                     formazione, educazione alla pace

Coordinatore/trice                          Celestial Madula

GRUPPO DI LAVORO                                                     intercultura

Revisori

Presidente                                        _______________________________________

Effettivo/a                                        _______________________________________

Effettivo/a                                        _______________________________________

Supplente                                         Gigliola Pedullà

Supplente                                         Francesca Mele

 

Seguono le firme dei Delegati delle Associazioni costituenti

 

Arcudi Luigi

Amadeo Demetrio Mario

Rotiroti Maria Francesca

Venturini Caterina

Crucitti Giuseppe

Filocamo Maria

Russo Iva

Praticò Giuseppe

Logoteta Lorenzo

Mele Maria Francesca

Polimeni Pietro

Limbo Antonio

Madula Celestial F.

Zoccali Paolo

Gioffrè Alberto

Neri Pasquale

Polo Ines

Pedullà Gigliola  

 

N.B.

Il presente STATUTO è stato modificato nel 2006, per consentire l'adesione ai SINGOLI (oltre che alle Associazioni). Ne forniamo, per il momento, la versione originale.

 

MANIFESTO 2000

PER UNA CULTURA DELLA PACE E DELLA NON VIOLENZA

Nell’Anno Internazionale del Ringraziamento e della Cultura di Pace e della Non Violenza

Ci impegniamo a:

 

n RISPETTARE LA VITA E LA DIGNITA’ DI TUTTI GLI ESSERI UMANI, SENZA DISCRIMINAZIONE NE’ PREGIUDIZIO

n PRATICARE LA NON VIOLENZA ATTIVA, RESPINGENDO LA VIOLENZA IN TUTTE LE SUE FORME, PARTICOLARMENTE VERSO I PIU’ VULNERABILI

n ESPRIMERE LIBERAMENTE LA GENEROSITA’, DIVIDENDO CON GLI ALTRI IL PROPRIO TEMPO PER PORRE FINE ALL’INGIUSTIZIA ED ALL’OPPRESSIONE

n DIFENDERE LA LIBERTA’ DI ESPRESSIONE E LA DIVERSITA’ CULTURALE, SENZA CEDERE ALLA MALDICENZA

n PROMUOVERE LO SVILUPPO RESPONSABILE DEL PIANETA, NEL RISPETTO DI TUTTE LE FORME DI VITA E PRESERVANDONE GLI EQUILIBRI

n  CONTRIBUIRE ALLO SVILUPPO DELLE COMUNITA’ CON LA PIENA PARTECIPAZIONE DELLE DONNE, CREANDO NUOVE FORME DI SOLIDARIETA’

n PROMUOVERE L’INSERIMENTO IN TUTTE LE SCUOLE DELL’EDUCAZIONE AD UNA CULTURA DI PACE

 

Attività

Aderisci

Pubblicazioni

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Home   Kronos   Club UNESCO   Comitato Pace   Scuole   Escursioni  ESP  Links