SANDHI

 

News

 

 

 

 

PARCHI VIVI

(cronaca, Reggio C., 26 novembre 2007)

            La Valorizzazione dei Parchi Nazionali italiani, la divulgazione delle attività promosse da questi Enti territoriali, il coinvolgimento di stranieri e studenti nell’approfondimento della conoscenza del patrimonio naturalistico e culturale e dei prodotti tipici locali. E’ stato questo il fine dell’Associazione Ambientalista Accademia Kronos con lo svolgimento del Programma Parchi Vivi 2007. Cinque Terre, Gran Paradiso, Gargano, Val d’Agri ed Aspromonte sono i Parchi presso i quali le Sezioni Kronos vicine conducono tali iniziative.

            Kronos – Calabria ha accompagnato Rumeni, Tunisini, Danesi, Polacchi, Ungheresi, Marocchini, Bielorussi, Cubani, Kazaki, Montenegrini, Serbi, Tedeschi, Malaysiani, Libici, Irakeni, Giapponesi, Gallesi, Inglesi, Filippini, Russi nel cuore dell’Aspromonte, in quattro escursioni presso le Cascate Galasìa di Molochio, le Fortificazioni Romane dello Zomaro, Pietra Salva sui Piani di Carmelìa,  il Centro-Visite o Porta d’Accesso Ovest del Parco Nazionale. Nel corso delle quattro giornate sono stati gustati gli ottimi prodotti tipici aspromontani presso La Quiete dei Monti del Villaggio Trepitò e presso il Rifugio Il Biancospino – La Segheria di Delinuova.

            Tutte le visite sono state guidate da esperti ambientalisti, impegnati nei diversi settori, dall’Escursionismo all’Architettura, dalla Storia Locale all’Urbanistica, dall’Agricoltura alla Forestazione, dal Volontariato all’Archeologia, dalla Geografia alla Fotografia, dalla Paleontologia alle Civiltà dimenticate: il Prof. Domenico Raso, il Dott. Gerardo Pontecorvo, l’Arch. Alberto Gioffrè, il Prof. Renato Crucitti, il Prof. Giuseppe Spinelli, la Guida Culturale Oreste Kessel Pace, la Guida Escursionistica Antonio Barca, l’Alpinista Enzo Galeano.

            Numerosi i beneficiari, coinvolti, invitati, ed ospitati da KRONOS nei 4 appuntamenti con la Natura: gli studenti dell’Università per Stranieri Dante Alighieri, l’Associazione Unified Filipino Workers, il Circolo Calcidese, il Club UNESCO di Reggio, il Comitato Promotore del Club UNESCO di Palmi, il Centro Studi di Educazione Ambientale nell’Area Mediterranea, i giornalisti, la Comunità Rumena, l’Associazione dei Polacchi di Calabria, la Comunità Polacca, la Filippino Christian Church, la Cooperativa Sociale Massimo Chillìno, l’Agenzia di Formazione Byte Sud, gli allievi e le allieve di corsi di  Ricamo, Mosaico e Gestione discariche, docenti delle Scuole reggine, esponenti del e Coordinamento Territoriale Ambientale del Corpo Forestale dello Stato, dipendenti di Enti Locali e Territoriali.

            In ciascuna delle quattro escursioni sono stati trattati diversi temi sull’ottimale gestione del Parco Nazionale dell’Aspromonte. Sono stati evidenziati i casi di disboscamento incontrollato, valutando i metodi autorizzativi dei tagli e dei sistemi di controllo degli interventi dei privati. E’ stata tracciata la storia del Marchio di Qualità dei prodotti del Parco, e di come un albergo, in tutto il territorio, abbia adottato i prodotti tipici nella prima colazione. Il Piano del Parco è stato illustrato in ogni particolare, e, con particolare attenzione, la zonizzazione. E’ stato infine evidenziato il Metodo Aspromonte (che ha visto coinvolte Associazioni e Cooperative) della difesa dei boschi dagli incendi, sistema imitato da altri Parchi ed Enti Territoriali.

            Nel corso di svolgimento dell’intero Programma Parchi Vivi tutti i beneficiari hanno partecipato ad un Concorso di Poesia, Fotografia e Disegno con proprie realizzazioni, scaturite durante le escursioni e da esse ispirate. Tra le opere già presentate a In Tipico nei giorni scorsi, durante una riunione degli attivisti kronossiani, figurano FOTO di Thelja Amaimia e dell’Arch. Jouini Abla; DISEGNI dell’Arch. Louhichi Imenallah e dell’Arch. Mars Mokhtar; POESIE di Angela D’Agostino.

            I tre autori più bravi riceveranno un gadget dalla Sezione Kronos – Calabria e parteciperanno di diritto al Concorso Nazionale interno a Parchi Vivi. 3 vincitori in tutta Italia, infine, potranno visitare l’Isola di Montecristo e soggiornare, per tre giorni, a Porto Santo Stefano.

 

KRONOS – Calabria

Gruppo a Molochio 10 novembre

Il gruppo dell'università per stranieri

Le fortificazioni romane dopo il tramonto

Arrivo ai Piani di Carmelìa

Il gruppo arrivato a Carmelìa

Prima di iniziare il percorso

Verso le Cascate Galasìa

Gruppo belvedere

Neve alla Segherìa

Pausa pranzo

Pausa pranzo

Visita allla Porta d'accesso al Parco

Visita allla Porta d'accesso al Parco

Una casa antica a Delianuova

Passando da Delianuova

Passando da Delianuova

I colori dell'autunno a Carmelìa

 

ASPROMONTE VIVO

(Cronaca, Reggio Calabria, 15 ottobre 2007)

Si è concluso a Molochio il programma Aspromonte Vivo, curato dall’Associazione Ambientalista KRONOS con il patrocinio del Parco Nazionale dell’Aspromonte del Comune di Reggio.

            Come si ricorderà, nel trascorso anno scolastico gli studenti e le studentesse di alcune Scuole della Provincia reggina hanno redatto un questionario tendente all’individuazione della migliore sensibilità ambientale, comprendendo, il lungo elenco di domande, anche argomenti di carattere prettamente animalista e comportamentale (rapporti con i compagni, con la famiglia, con i docenti).

            Presso l’Istituto Magistrale “Tommaso Gulli” di Reggio (l’ultima Scuola coinvolta, in ordine di tempo, diretta dal Prof. Nicola Catalano) sono state individuate 20 studentesse “più ambientaliste” (in ordine, le prime quattro: Antonella Campolo, Antonina Curatola, Giorgia Quartuccio e Vincenza Flaviano), le quali sono state premiate con una visita guidata nel cuore dell’Aspromonte. All’escursione hanno partecipato alcuni esperti (impegnati nello scorso anno in attività di Educazione Ambientale, come il Prof. Renato Crucitti ed il Dott. Gerardo Pontecorvo) e Soci Kronos con funzione di animatori, accompagnatori e guide.

            Raggiunto Molochio, il gruppo ha iniziato un itinerario ecologico alla riscoperta delle Cascate Mundu, e subito dopo, seguendo un percorso più impegnativo, fino alle Cascate Galasia, mèta in questi ultimi anni di numerosi visitatori provenienti da tutta Italia.

            Benchè ad ottobre inoltrato, il caldo si è fatto sentire: ma non ha impedito a tutto il gruppo di 37 escursionisti di raggiungere il sito aspromontano. L’escursione so è conclusa con l’assaggio di prodotti tipici aspromontani presso “La Quiete dei Monti”, e, nel pomeriggio, è stato possibile visitare un sito sullo Zomaro di interesse culturale e storico: le Fortificazioni Romane realizzate per contrastare la ritirata di Spartaco e della moltitudine di ex schiavi, luogo riscoperto dall’Ispettore Domenico Raso e divulgato attraverso numerosi studi pubblicati nella Rivista trimestrale “Calabria Sconosciuta”.

            L’iniziativa appena conclusa ha rappresentato la seconda edizione del programma Aspromonte Vivo, concepito dal KRONOS per la promozione e la valorizzazione del Parco Nazionale presso tutte le categorie di persone che per indisponibilità diverse (stranieri lavoratori o membri di Associazioni di solidarietà) non hanno avuto l’occasione di approfondire la conoscenza del ricco patrimonio naturalistico del Parco.

            KRONOS - Calabria / Accademia Kronos   

 

Foto gruppo con gli alunni della scuola "A. Nitti" di Cosenza all'escursione delle Cascate del Marmarico - Bivongi   Venerdì 11 Maggio 2007

 

PARCHI VIVI – CAMPAGNA DI VALORIZZAZIONE DELL’ASPROMONTE

(Reggio C., 26 aprile 2006)

 

            Sempre meno sconosciuto, il Massiccio dell’Aspromonte viene visitato annualmente da un crescente numero di ecoturisti. I più “ardimentosi” penetrano nelle numerose gole del Parco Nazionale. Altri, attratti soltanto dagli splendidi paesaggi, si allontanano appena dalle strade asfaltate o sterrate di penetrazione.

            L’Associazione Ambientalista Kronos (che alla conoscenza dell’Aspromonte ha dedicato molti dei 34 anni di vita), di concerto con altre Sezioni regionali italiane di “Accademia Kronos”, ha organizzato una serie di visite (escursioni naturalistiche) all’interno del Parco, con l’approvazione del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio.

            In quattro domeniche (14 maggio, 11, 18 e 25 giugno) saranno visitati alcuni siti di particolare interesse paesaggistico: il Lago Costantino, Pietra Cappa, i Piani di Carmelia e le Cascate Maesano, con il coinvolgimento di alcune categorie di cittadini, quali: studenti, artisti, stranieri, ed associati di varie organizzazioni culturali e di solidarietà. Il carattere è squisitamente promozionale di un ambiente naturale molto ricco e vicinissimo alla nostra città. Le escursioni sono diverse, per grado di difficoltà del percorso a piedi, durata dello stesso, tempi dedicati al trekking o alle soste. Le partenze dei gruppi avverranno sempre alle ore 8,00 da Piazza Indipendenza, con rientro previsto alle ore 20,00 circa. Nel corso di ogni escursione sarà possibile degustare i prodotti tipici locali aspromontani.

            La prima escursione è un “classico” dell’escursionismo: sarà visitato il Lago Costantino (oggi ridotto nelle dimensioni a causa del consistente deposito alluvionale) dopo un percorso a piedi lungo la Fiumara Bonamico. L’11 giugno sarà la volta di Pietra Cappa, il monolite alto 136 metri,  raggiungibile dalla strada che collega San Luca con Polsi . Domenica 18 giugno il percorso a piedi inizierà dal Rifugio “Il Biancospino” dei Piani di Carmelia: gli escursionisti raggiungeranno Monte Fistocchìo, e, nel pomeriggio, la “Porta del Parco” recentemente edificata.

            Per l’ultima escursione, alle Cascate Maesano dell’Amendolea, saranno coinvolti gli artisti locali (pittori, fotografi, musicisti, poeti), i quali, partendo a piedi dalla Diga sul Menta, potranno sostare in un’area panoramica e produrre “dal vivo” le proprie opere.

            Il Programma “Parchi Vivi” prevede il coinvolgimento, in altri Parchi come “Le Cinque Terre” o “Il Gran Paradiso”, di varie categorie di potenziali visitatori, quali: i diversamente abili, gli anziani, gli extracomunitari, e, naturalmente, gli studenti. La Sede Centrale di Accademia Kronos curerà, prima della conclusione dell’iniziativa (che, secondo gli attuali programmi, dovrà avvenire proprio in Aspromonte a fine settembre), la distribuzione di gadget personali.

 

                                                                       Kronos  -  Calabria

 

TERRITORIO DA CONOSCERE E DA APPREZZARE

Reggio Calabria, 22 gennaio 1998

Fino a venti anni fa ricordato solo genericamente per i vasti boschi o, tristemente, per le alluvioni, il territorio calabrese, e particolarmente quello della provincia di Reggio, è oggi considerevolmente rivalutato. Viene percorso con ogni mezzo ed in tutti i sensi: a cavallo (da gruppi di appassionati) lungo lunghi percorsi interni; con auto fuori - strada attraverso tutte le piste appena praticabili; a piedi, seguendo itinerari più o meno difficoltosi, con l'organizzazione di Associazioni Ambientaliste e soprattutto di Gruppi Escursionisti, anche con pernottamenti all'addiaccio; oppure con escursioni per cittadini di tutte le età e capacità, con l'uso di pullman, camion, ed a piedi.

Talvolta i partecipanti provengono da molto lontano, e le impressioni riguardo i nostri paesaggi si rivelano sempre entusiastiche. Da qui nascono interessanti scambi di esperienze, e programmi di attività che superano i confini regionali.

Il KRONOS, che già dal 1974 coordinava le cosiddette "passeggiate ecologiche alternative" all'interno dell'area che poi sarebbe diventata "Parco Nazionale d'Aspromonte", promuove annualmente visite guidate (per Soci e simpatizzanti) in luoghi spesso "riscoperti" (e quindi poco noti alla maggior parte dei reggini).

Da poco si è conclusa una serie di escursioni organizzate esclusivamente per studenti, per rivisitare luoghi di interesse diverso (ambientale, turistico, storico), e per conoscere meglio le altre popolazioni calabresi. I castelli (di Scilla, di Vibo Valentia, di Pizzo Calabro), gli antichi borghi, le strutture agrituristiche, i laghi, le industrie locali, od i Musei dell'Artigianato sono stati la meta di queste visite. Così i giovani kronossiani hanno potuto ammirare la vicina Tropea, sia pure tra incredibili e fugaci raffiche di neve. Ma soprattutto hanno avuto l'occasione di apprezzare il sincero senso dell'ospitalità dei Monterossini (abitanti di Monterosso, in provincia di Vibo Valentia) ed il loro patrimonio urbano.

 

Lago Costantino

Pietra Cappa

Piani di Carmelia

Cascate Maesano

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Home   Kronos   Club UNESCO   Comitato Pace   Scuole   Escursioni  ESP  Links